legno1_01

Composizione del legno
è composto da:

– idrogeno 6%;

– ossigeno 42%;

– minerali, azoto, pigmenti 2%;

– carbonio 50%.

Proprietà del legno
1. Resistenza a trazione e compressione:

varia a seconda della direzione della sollecitazione:

– nel senso delle fibre la resistenza è maggiore;

– trasversalmente alle fibre la resistenza è minore;

– all’aumentare del tenore di umidità aumenta la resistenza.

2. Durata:

dipende dalla specie, dalla presenza o assenza di alburno, dal contenuto di umidità.

3. Resistenza al fuoco:

essendo costituito da cellulosa il legno è un materiale infiammabile, ma la sua resistenza al fuoco è paragonabile a quella dell’acciaio e dell’alluminio; la resistenza può essere migliorata con trattamenti detti di “ignifugazione”, attraverso l’applicazione sulle superfici di vernici che, in presenza di forte calore, sviluppano gas inerti incombustibili che creano intorno al legno una barriera protettiva.

4. Conducibilità termica ed elettrica:

il legno è un buon isolante termico ed elettrico, la sua bassa densità riduce la conducibilità.

5. Resistenza chimica:

il legno è caratterizzato da una elevata resistenza chimica, viene infatti utilizzato nelle industrie chimiche ed edifici posti in ambienti inquinanti od in atmosfera salina (costruzioni al mare).

6. Proprietà tecniche:

– caratteri organolettici, cioè le proprietà di ordine estetico-figurativo come colore, disegno etc.

– caratteri fisico-meccanici, cioè le proprietà di ordine fisico come densità, porosità etc.

La venatura deriva dal contrasto tra le zone tardive e quelle primaverili degli anelli annuali e può essere marcata, evidente e a festoni.

Il colore, pur essendo, in linea di massime, peculiare per ogni essenza legnosa, ha tonalità notevolmente diverse tanto nelle stesse specie quanto in un medesimo tronco.

La porosità è un fenomeno importante ai fini della tinteggiatura del legno: si imbevono i legni più teneri più di quelli duri, i legni con raggi midollari piccoli più di quelli con grossi raggi, i legni senza resina più di quelli resinosi, le testate più delle superfici longitudinali, la zona primaverile degli anelli più di quella tardiva.

Share this post